START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH

Ultra Fast-Track en hernioplastia inguinal

Intervento rapido per la chirurgia dell’ernia inguinale

INTRODUZIONE

La chirurgia dell’ernia inguinale è un intervento chirurgico molto frequente nell’ambito medico, rappresentando circa il 15 % di tutti gli interventi chirurgici che si effettuano nel settore della chirurgia generale della persona adulta. Si tratta di un intervento relativamente semplice, e sempre più frequentemente incluso in programmi di chirurgia ambulatoriale secondo cui la tecnica di anestesia utilizzata riveste una grande importanza. Di conseguenza, le tecniche di anestesia locale prediligono gli interventi rapidi riducendo il consumo di oppioidi durante il periodo postoperatorio successivo per il controllo del dolore.

La regione inguinale è composta principalmente dai rami dei nervi ileo-inguinale e ileo-ipogastrico, per cui il blocco dei suddetti nervi fornisce un’adeguata analgesia preoperatoria seguita dalla chirurgia dell’ernia inguinale a questo livello. La realizzazione di un blocco mediante la tecnica del TAP (transversus abdominis plane) permette un recupero veloce del paziente con un alto grado di benessere postoperatorio.

PRESENTAZIONE DI UN CASO CLINICO

Di seguito viene presentato un caso di un uomo di 44 anni, senza episodi antecedenti rilevanti e con una situazione clinica ASA I, che viene operato in maniera sistematica per la realizzazione di una chirurgia dell’ernia inguinale sinistra attraverso la chirurgia ambulatoriale.

Il paziente viene premedicato con midazolam di 2 mg e controllato attraverso la SEDAR. Si realizza la somministrazione intravenosa e si inserisce una maschera laringea SUPREME© secondo protocollo. Successivamente, si realizza il blocco con la tecnica TAP ecoguidato con ago ibrido per ultrasuoni di Temena Group (EH95-21 21G) mediante un impatto lateromediale con iniezione di levobupivacaina 0.5 % 25 ml e desametasone 4 mg, che si diffonde in maniera uniforme preparando le pareti muscolari (trasverso dell’addome in profondità e muscolo obliquo inferiore in superficie).

 

Aguja híbrida

 

Si effettua un’anestesia bilanciata con sevoflurano e remifentanil di mantenimento, necessitando unicamente 150 µg di fentanil. Si somministrano FANS intravenosi durante il periodo operatorio e in seguito a 45 minuti di chirurgia, si procede all’educazione del paziente senza difficoltà, il quale presenta un dolore conforme alla scala analgesica verbale da 0-1.

 

TAP y hernia Temena Group

 

Durante la sua degenza, il paziente non evidenzia un rilascio analgesico e presenta un’adeguata tolleranza orale, secondo cui viene registrato che durante le 5 ore dal suo ingresso non presenta nessun fenomeno di particolare interesse ed è in ottime condizioni per  il ristabilimento di attività basiche della vita di ogni giorno.

DISCUSSIONE

L’ impatto della tecnica anestetica è fondamentale nella chirurgia dell’ernia inguinale al fine di  includerne il metodo nei programmi della chirurgia ambulatoriale. L’impiego di tecniche locali unite all’anestesia generale ha come obiettivo principale quello di permettere una dimissione precoce del paziente evitando effetti collaterali derivanti da altre tecniche anestetiche utilizzate anche in questo tipo di chirurgia (ritenzione urinaria in seguito ad anestesia rachidea o iperalgesia secondaria dovuta al consumo de oppiacei intravenosi)

CONCLUSIONI

Il blocco dei nervi ileo-inguinale e ileo-ipogastrico si presenta come un elemento di qualità per l’anestesia generale per la chirurgia dell’ernia inguinale. Il TAP è una tecnica semplice, con basso indice di complicazioni e con chiari benefici per la gestione del dolore postoperatorio e che facilita il compimento dell’intervento rapido nell’ambito della chirurgia ambulatoriale dell’ernioplastica inguinale.

RIFERIMENTI

  • Aveline C, Hetet H, Le Roux A, Vautier P. Comparison between ultrasound-guided transverses abdominis plane and conventional ilioinguinal/iliohypogastric nerve blocks for day-case open inguinal hernia repair. British Journal of Anaesthesia. 2011; 106 (3): 3806
  • Salman A, Yetisir F, Yürekli B, Aksoy M. The efficacy of the semi-blind approach of transversus abdominis plane block on postoperative analgesia in patients undergoing inguinal hernia repair: a prospectiverandomized double-blind study. Local and Regional Anesthesia 2013:6 1-7
  • Bergmans E, Jacobs A, Desai R, Masters RD. Pain relief after transversus abdominis plane block for abdominal surgery in children: a service evaluation. Local and Regional Anesthesia 2015:8 1-6

AUTORE

Carrió Font M, Cerrada Gómez T, Martín Pauls N, Tejada Ortega S, Hernando Sáez, J, Agulló Agulló J. Servizio di Anestesiologia. Ospedale Universitario di San Juan de Alicante